Notizie
Regione
Abruzzo
Agenda
Digitale

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Non viene fatto uso di cookie per le informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookie persistenti di alcun tipo ovvero sistemi per il tracciamento utenti. Se vuoi consultare la cookie policy clicca sul link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la nostra pagina sui cookie policy.

Evento BUL L'AquilaL'Aquila, 23 mag. All'auditorium Piervincenzo Gioia a Palazzo Silone in L'Aquila, illustrazione dei contenuti della convenzione tra i primi 21 Comuni abruzzesi interessati dal Grande Progetto BUL e Infratel Italia SpA per la realizzazione di reti in fibra ottica per la Banda Ultra Larga. Sono stati invitati: Capo Segreteria del Sottosegretario dello Sviluppo Economico, A.D. di Infratel Italia SpA, Sindaci dei Comuni di Casoli, San Giovanni Teatino, Vacri, Calascio, Carapelle Calvisio, Castel di Sangro, Civitella Alfedena, Pescasseroli, Rivisondoli, Rocca di Cambio, Rocca di Mezzo, Rocca Pia, Santo Stefano di Sessanio, Carpineto della Nora, Elice, Sant'Eufemia a Maiella, Alba Adriatica, Giulianova, Nereto, Sant'Egidio alla Vibrata e Tortoreto.

Scarica le slide di Presentazione Grande Progetto BUL

 

Infratel SpA ha evidenziato come nelle aree bianche delle sei Regioni interessate dal primo bando Infratel (Abruzzo, Molise, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Veneto) la banda ultralarga viaggerà per la quasi totalità a una velocità di oltre 100 Megabit (Mbps), azzerando di fatto la distinzione inizialmente operata tra zone a 100 Megabit e zone a 30 Megabit. È quanto emerge dai dati Infratel relativi all’offerta tecnica sulla copertura da parte del concessionario vincitore del primo bando. Sulla base dell’offerta di Open Fiber, che si è aggiudicata tutti e 5 i lotti del bando, sarà garantita una velocità di oltre 100 Megabit a più di 4 milioni di unità immobiliari (erano 1,5 milioni inizialmente previste) rispetto ai circa 4,6 milioni di unità immobiliari interessate dai lavori. Ma c’è di più: nelle aree di intervento definite dal bando facoltative (le cosiddette case sparse), la banda ultralarga arriverà per 1/3 a oltre 100 Mega e per 2/3 a 30 Mega; resteranno non coperte appena 30 mila unità immobiliari pari allo 0,66% del totale. Inoltre nell'81% delle realizzazioni previste si riutilizzeranno le infrastrutture esistenti con un notevole vantaggio dal punto di vista ambientale e dei tempi di realizzazione.

 

0
0
0
s2sdefault