INFRASTRUTTURA E SICUREZZA DIGITALE
Regione
Abruzzo
Agenda
Digitale

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Non viene fatto uso di cookie per le informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookie persistenti di alcun tipo ovvero sistemi per il tracciamento utenti. Se vuoi consultare la cookie policy clicca sul link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la nostra pagina sui cookie policy.

La crescente richiesta di dati e servizi interoperabili in ambienti distribuiti impone collegamenti sempre più affidabili e con elevate capacità trasmissive e centri di elaborazione dati sempre più sicuri ed efficienti.

 

Banda Ultra Larga

Per questo ricadono in quest’ambito gli interventi volti alla “riduzione del digital divide infrastrutturale”, attraverso lo sviluppo della banda ultra larga per la Regione Abruzzo, la diffusione del “Wi-Fi pubblico”, l’infrastrutturazione in “fibra ottica delle Zone Industriali e delle sedi della Pubblica Amministrazione centrale e locale”, la concessione in uso delle risorse della rete regionale ad operatori di telecomunicazioni, il tutto finalizzato all’erogazione del servizio in banda ultra veloce ai cittadini e alle imprese.

In coerenza con gli obiettivi fissati dall’Agenda Digitale Europea, l’obiettivo della Regione è quello di assicurare la connettività a 30 Mbps al 100% dei cittadini e la disponibilità del servizio a 100 Mbps al 50% delle famiglie entro il 2020.

Mappa Avanzamento rete fibra ottica Regione Abruzzo

 

Data Center Pubblici (Disaster Recovery, Business Continuity E Cyber Security)

In questo ambito completano il quadro gli interventi volti alla “razionalizzazione e al consolidamento dei Data Center pubblici”, al miglioramento della sicurezza e alla continuità operativa dei sistemi

I principali obiettivi del piano sono:

  • adeguare il Data Center primario alle linee guida dell’AgID per quanto attiene al Disaster Recovery;
  • adeguare, in base alle risorse disponibili, il Data Center secondario per il Disaster Recovery e la Continuità Operativa;
  • utilizzare infrastrutture già esistenti di altre PA regionali per garantire il Disaster Recovery;
  • creare un centro unico di controllo e gestione tale da garantire la maggiore effucienza in termini di controllo e sicurezza dei dati.

 

Community Cloud

Le reti e le infrastrutture devono svilupparsi in modo coordinato e sinergico per supportare efficacemente l’evoluzione verso architetture e servizi Cloud, garantendo la connessione veloce ai cittadini, alle sedi nodali della Pubblica Amministrazione, della Sanità regionali, della Scuola e ai poli della ricerca e dell’innovazione.

0
0
0
s2sdefault