Raccolta Evidenze
Regione
Abruzzo
Agenda
Digitale

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Non viene fatto uso di cookie per le informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookie persistenti di alcun tipo ovvero sistemi per il tracciamento utenti. Se vuoi consultare la cookie policy clicca sul link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la nostra pagina sui cookie policy.

EVIDENZE SALUTE DIGITALE

Le azioni strategiche regionali hanno permesso la realizzazione di infrastrutture, fisiche e logiche, distribuite sul territorio, che compongono l’attuale sistema informativo regionale. La Componente principale è l’Anagrafe Regionale degli assistiti/assistibili che individua in maniera univoca il paziente su tutti i sistemi informativi regionali e delle singole ASL. L’identificazione univoca permette la ricostruzione della cosidetta “vita sanitaria” del paziente. Allo stato attuale, l’anagrafe regionale fornisce le informazioni di base ai sistemi regionali per le informazioni anagrafiche oltre che la gestione del sistema di “Scelta e Revoca del MMG/PLS” che è strettamente legato al compenso dei medici. L’attuale soluzione prevede un aggiornamento dei dati anagrafici, in modalità asincrona, tramite il servizio di SOGEI ma non tramite il servizio di INA – SAIA.

Restano ancora altri tasselli da completare per raggiunger l'altra metà del percorso intrapreso.
Si tratta di consolidare le soluzioni che versano ancora in un regime di “sperimentazione”, attraverso regolamenti e norme di settore specifiche. Al tempo stesso, però, è necessario provvedere alla riorganizzazione del comparto affinché possa efficacemente rispondere alla gestione della sanità elettronica, stabilendo compiti e ruoli dei diversi attori coinvolti. E' necessario effettuare le necessarie valutazioni tecnologiche ed operative relativamente alla scelta di proseguire con il sistema di accolgienza centrale (SAC) oppure dotarsi di un sistema SAR, insieme al NRE, per la dematerializzazione della prescrizione. Inoltre devono essere attuate le strategie regionali orientate all’integrazione dei servizi ed applicativi presenti sul territorio, attraverso interventi progettuali che realizzeranno lo strato di raccordo tra i sistemi legacy in ambito sanitario distribuiti nelle diverse strutture sanitarie regionali, sia pubbliche che private, e la piattaforma MMG.

 

Report Evidenze Salute Digitale

 

EVIDENZE CITTADINI DIGITALI

La Regione Abruzzo, in questo ambito strategico, ha avviato azioni e interventi progettuali tali da ottenere vantaggi socio-economici sostenibili sulla base di nuove modalità di interazione e collaborazione tra cittadini, imprese e PA che utilizzano tutte le potenzialità offerte dalla tecnologia. 
Il percorso intrapreso è positivo e può definirsi comletato per metà.
La Regione, infatti, ha:
- implementato un sistema per l’accesso alle banche dati pubbliche e per la circolarità dei dati tra PA, almomento nel settore anitario;
- realizzato una piattaforma integrata con i differenti sistemi ed infrastrutture già presenti e diffusi nel territorio per approntare una serie di evoluzioni di tipo funzionale nell’ambito della gestione di back office dei procedimenti relativi alle attività produttive o economiche, 
- fornito un Cruscotto dei Servizi Comunali (CSC) di Supporto delle Decisioni
- attivato una infrastruttura informativa per la diffusione e pubblicazione del bollettino telematico regionale. 
- realizzato l’evoluzione del portale istituzionale della Regione Abruzzo verso la e@Democracy e la Comunità Digitale.
- adottato il Piano triennale della Prevenzione della Corruzione 2013-2016 di cui alla Legge 190/2012.

Restano ancora dei tasselli da completare attraverso le diverse azioni progettuali poste in essere:
- la piattaforma applicativa per l’informatizzazione degli iter amministrativi 
- la piattaforma dedicata all’erogazione di servizi i pagamento on line che automatizza i processi che afferiscono l’intero arco di rapporti debitori/creditori del cittadino e delle imprese con la Pubblica Amministrazione. 
- l'adeguamento degli applicativi contabili, documentali e del protocollo al fine di ricevere le fatture trasmesse in forma elettronica
- lo sviluppo di strumenti efficaci per l’approvvigionamento elettronico 
- l'interoperabilità tra i diversi applicativi presenti presso gli Enti Locali, le Comunità Montane, ecc. 
- la piattaforma applicativa volta a rendere più efficace il servizio di gestione e pubblicazione del Bollettino Ufficiale;
- la piattaforma di smart community dedicata ad erogare servizi mediante il private cloud regionale.

Al tempo stesso vanno superate alcune criticità di sistema relative alla difficoltà degli enti locali a coinvolgersi (ed essere coinvolti) nelle inziative regionali e alla scarsa diffusione e/o utilizzo degli strumenti informatici da parte dei cittadini che vivono nelle aree interne del territorio regionale.

 

Report Evidenze Cittadinanza Digitale

 

EVIDENZE INFRASTRUTTURA E SICUREZZA

La Regione è impegnata da anni nell’ambito della “Infrastrutturazione e sicurezza digitale” attraverso specifici interventi alcuni dei quali già consolidati e in fase di aggiornamento, altri appena avviati o da avviare, pur sempre in linea con quanto richiesto dall'Agenda digitale.
In particolare, la Regione Abruzzo ha: 
- raggiunto il 79% dei comuni con banda da 2 Mbps 
- avviato la progettazione per il consolidamento e razionalizzazione dei Data Center regionali che consenta di implementare anche soluzioni per la sicurezza informatica, per il “recovery" e il cloud computing.
- qualificato in SPCoop la porta di dominio regionale e disposto un sistema di autenticazione federato; 
- implementato le necessarie infrastrutture tecnologiche, in grado di fornire un livello di consolidamento generale all’infrastruttura elaborativa, applicativa e rete integrata all’interno dei Centri Tecnici Regionali in modo da fornire ai diversi erogatori di servizi e al bacino d’utenza finale, sia del territorio regionale sia nazionale, gli strumenti che consentono di interoperare attraverso i propri sistemi informativi;
- messo a regime un’infrastruttura che mette a disposizione dati geografici identificati dalla direttiva INSPIRE, metadati e servizi di rete;
- realizzato un Centro Servizi per l’Archiviazione Elettronica Documentale della Regione Abruzzo – CADRA;
- avviato la progettazione per il consolidamento e razionalizzazione dei Data Center regionali che consenta di implementare anche soluzioni per la sicurezza informatica, per il “recovery" e il cloud computing;
- avviato le azioni per il potenziamento dei servizi della community network;
- inziziato la distribuzione della CNS a 3000 operatori pubbici e avviato il ciclo di attivazione.

Il raggiungimento della meta non è lontano, ma insistono ancora vincoli di natura finanziaria, organizzativa, ma anche geografica. Ad esempio per la banda ultra larga la difficoltà di agire su una porzione del territorio a fallimento di mercato, con risorse propre ed azioni dirette, non è affato semplice. Allo stesso modo, il coinvolgimento nella community network di comuni a rischio di spopolamento, ubicati in zone rurali o montane, risulta complesso e laboriosooltre alle difficoltà di connettività anche per le difficoltà d'interazione.

 

Report Evidenze Infrastruttura e Sicurezza Digitale

 

0
0
0
s2sdefault